Monthly Archives: ottobre 2012

Arriva il freddo e i saponi Biolù diventano più densi

Ci siamo: è arrivato il freddo, brrrrrr

Il sapone Biolù cambierà naturalmente d’aspetto: è un fenomeno fisico che non altera la qualità e l’efficacia del prodotto, anzi è garanzia di qualità vegetale e biologica del contenuto.

Con il freddo si comporta come l’olio d’oliva: il sapone Biolù diventa più denso e può accadere che assuma un colore bianco nella parte bassa della tanica o del flacone.

Se la temperatura scende ancora il prodotto, pian piano, diventa tutto bianco.

Si osservi che, qualora il prodotto venga poi conservato in ambienti con temperatura intorno ai 20°C, avviene il fenomeno fisico inverso e il suo aspetto ritorna pian piano trasparente e denso come prima.

Il prodotto, a prescindere dalla maggiore o minore densità, è comunque omogeneo, si eroga e si utilizza nei modi e nei dosaggi consueti.

Troppa plastica sul fondo dell’Oceano Artico: il doppio di rifiuti rispetto a 10 anni fa

“Troppa plastica sul fondo dell’Oceano Artico: il doppio di rifiuti rispetto a 10 anni fa” è il grido d’allarme della biologa marina Melanie Bergmann http://www.greenreport.it/_new/index.php?lang=it&page=default&id=18489
——————-

—————–
Il metodo di distribuzione di BIOLU’ dà vita a un circolo virtuoso che non produce rifiuti di plastica: il rifiuto non è più un rifiuto ma una risorsa da riutilizzarehttp://www.biolu.it/circolo_virtuoso.html

Riutilizziamo la plastica e salviamo le balene

La plastica presente nel Santuario dei cetacei, studiato e protetto da Tethys (http://www.tethys.org/csr/home.htm), mette a rischio le balene e gli organismi marini. Le microplastiche, derivate dalla degradazione dei rifiuti plastici, si incorporano nel plancton e diventano cibo, contaminandoli, per gli organismi marini (http://www.stamptoscana.it/articolo/ambiente/santuario-dei-cetacei-plastica-killer-per-le-balene).
—————-
Biolù sostiene Tethys con la fornitura gratuita di detersivi e saponi biologici.
—————-
Biolù è solo alla spina per eliminare, grazie al circolo virtuoso del riutilizzo, tutti i rifiuti di plastica.http://www.biolu.it/circolo_virtuoso.html

Oggi laviamo con il contagocce

Usiamo PIATTI BIOLU’ con il contagocce!
–> occorrente:
– PIATTI BIOLU’
– spugna giallo/verde
– acqua di cottura della pasta

Abbiamo cucinato un pranzo per 4 persone (fusilli al sugo di pomodoro, seitan alla pizzaiola, zucchine trifolate) e abbiamo usato le seguenti stoviglie:
– 2 casseruole diam. cm 22 con coperchio
– 2 casseruole diam. cm 16 con coperchio
– 2 taglieri
– 1 scolapasta
– 4 piatti piani
– 4 piatti fondi
– 4 bicchieri
– 8 posate
– 3 mestoli
– 1 coltello da cucina
– 1 coltello da pane
–> e ora laviamo i piatti:
– tappiamo lo scarico, mettiamo le stoviglie, private dei residui di cibo, nel lavandino e versiamo l’acqua di cottura della pasta
– bagniamo le stoviglie con l’acqua di cottura
– bagniamo la spugna giallo verde con l’acqua di cottura e la strizziamo
– versiamo 3 gocce di PIATTI BIOLU’ sulla spugna giallo/verde
– insaponiamo le stoviglie
– quando il potere lavante del detersivo si esaurisce mettiamo altre 3 gocce sulla spugna e ripetiamo questa operazione fino al lavaggio completo delle stoviglie
– stappiamo lo scarico
– risciacquiamo
–> Per lavare tutte le stoviglie elencate sopra abbiamo utilizzato in tutto 30 gocce/6 ml di PIATTI BIOLU’
——————–
Una ricarica da 1 litro di PIATTI BIOLU’ è sufficiente a lavare ben 160 volte le stoviglie elencate sopra!
1 2